DIMMI CHE APE VUOI…E TI DIRO’ CHI SEI!!!!

Caucasiche , anatoliche o carniche? Oggi siamo in cerca dell’ape più adatta alla produzione di miele. Decidiamo di andare a visitare un’azienda turca leader, specializzata nell’analisi delle caratteristiche organolettiche del miele e della cera: Balparmak. (http://www.balparmak.com.tr/)

Nello spazio espositivo ci mostrano api caucasiche, anatoliche e carniche. Si tratta di api dalle caratteristiche diverse rispetto alla nostra ” apis mellifera ligustica ” diffusa soprattuto nel nord Italia e facilmente riconoscibile dal colore giallo chiaro dell’addome, molto operosa e considerata l’ape laboriosa per eccellenza.

L’ape caucasica e quella carnica sono di colore più scuro, tendente al grigio. Si tratta di api molto docili, ma più propense alla sciamatura. Per questo motivo spesso vengono allevate in arnie a forma di cestini.
Io accarezzo spesso le api…soprattutto le mie. Penso che mi riconoscano, che mi aspettino. In alcuni momenti però sono molto agitate: se io sono più nervosa, se sta arrivando il brutto tempo o se gli gira così.
Queste api caucasiche sono veramente molto tranquille: non abbiamo avuto problemi ad avvicinarci, nonostante ci fosse tanta gente e tanta confusione
Stefano Fenucci, grande esperto di cera d’api… vuole toccare con mano….
Anche Elisa Cavicchioli, splendida compagna di viaggio…dà un’occhiata 
Arnie un po’ insolite… Luca Parola e Davide Paoletti sono molto interessati…
Restiamo molto colpiti dal modo di fare nomadismo di alcuni apicoltori turchi….le arnie vengono spostate con un tir attrezzato come un vero e proprio laboratorio.
E’ stata una bella giornata…abbiamo imparato  e visto tante cose, sul campo. Tuttavia io continuerò con il mio sistema di allevamento biologico che mi sembra di sicuro meno produttivo, ma  più rispettoso dell’ambiente e delle api.
Niente da dire, invece, per il laboratorio super all’avanguardia, per i locali destinati all’accoglienza del pubblico…e per il packaging.
Ecco un’invenzione carinissima: la bustina di miele che si apre senza sporcare le mani!
Si riparte…
Piaciuto l'articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *